Pane&marmellata, una merenda per aiutare i bisognosi

Da Blogautore.repubblica.it del 1/12/2014 (di Caterina Giordano e Alessia De Pascale)

“Chi ha rubato la marmellata?”, cantava Lino Toffolo nel 1976  (Johnny il bassotto scritta da Bruno Lauzi e Pippo Caruso, ndr).  La marmellata ha il sapore dell’infanzia, della merenda a casa dei nonni, dei pomeriggi di coccole e dei risvegli da leoni. 

Una merenda a cielo aperto a base di 300 fette di pane e marmellata per ridurre gli sprechi alimentari è andata in scena in piazza Umberto a Bari nell’ambito dell’evento Vivi la Piazza, su iniziativa di Avanzi Popolo, progetto ideato dall’associazione Incontra insieme ad un gruppo di soggetti che lavorano nel campo dell’innovazione (finanziato nell’ambito del bando regionale “Puglia Capitale Sociale) .  

Un momento di festa oltre che uno spuntino genuino con secchielli di marmellata messi a disposizione dell’azienda di Noci Città del Gelato, a cui ha partecipato anche il sindaco di Bari, Antonio Decaro e gli assessori Francesca Bottalico e Pietro Petruzzelli. Ogni anno tonnellate di beni alimentari vengono distrutti perché scaduti o non consumati. Donare ai meno abbienti il cibo in eccedenza evitando che finisca nei rifiuti è uno degli obiettivi di Avanzi Popolo, che nel corso dell’appuntamento ha raccolto buste della spesa portate dai cittadini e vari alimenti che verranno distribuite alle famiglie baresi più povere. Lo scopo del progetto, infatti,  è quello di favorire il contatto tra luoghi dello spreco (famiglie, dettaglianti e ristoratori) e i luoghi del bisogno (con precedenza a indigenti e “nuovi poveri”), attingendo a due risorse ampiamente sottoutilizzate: il cibo inutilizzato e la disponibilità di tempo ed energie della comunità.

Categories: Senza categoria

One comment

  1. cinayet süsü izle said on Gennaio 29, 2021
    I have fun with, cause I discovered just what I was having a look for. Sheba Ric Gerhard

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their respective authors, and not necessarily the views of this web portal. Members are requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice or explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*